blog di stefano

Tags:

Oggi ho cominciato a "giocare" con Arch Linux. Impressioni, pareri, appunti su un apposito blog :-)


Ho dovuto installare un relay smtp, e ho deciso di usare exim 4... ecco come ho fatto:
/etc/exim4/exim4.conf

Per prima cosa ho installato snmpd:

# apt-get install snmp snmpd

poi ho configurato le cose di base, ovvero l'uso della community public e le informazioni del sistema:

Vediamo come tenere aggiornati i pacchetti/ports di un sistema FreeBSD:

per cominciare è necessario installare il pacchetto/port portmanager:

# cd /usr/ports/ports-mgmt/portmanager
# make all install

poi utilizziamo portsnap per recuperare le ultime informazioni sui port:

Per rendere più piacevole il prompt standard di csh su freebsd è sufficiente modificare il file ~/.login aggiungendo:

set prompt="%B[%n@%m]%b%/: "

Si avrà quindi un prompt del tipo

[root@balin]/root: 
Tags:

Ieri sera non davano niente di interessante alla TV, così mi sono messo a riorganizzare tutti i miei appunti "elettronici" sulla programmazione in Ruby. Ho deciso di organizzarli sotto forma di libro/manuale, un po' come ho fatto per quelli su PF e exim.

Lo trovi qui

Tags:

Niente di male contro i creatori di fooldns, hanno avuto un'idea carina per bloccare i troppi adv in maniera quasi trasperente, solo che preferisco tenere personalmente sotto controllo cosa viene bloccato.
Per questo ho pensato di realizzarmi in casa, per la mia rete, una soluzione simile.

A volte è necessario conoscere che demone smtp gira in un server di posta. La maggior parte delle volte però il demone non si presenta con il suo nome; ad esempio come greeting potremmo avere qualcosa tipo:

Mi sono trovato in una situazione piuttosto inusuale: far autenticare a squid degli utenti recuperando le informazioni da un server di posta con un database utenti non consultabile dall'"esterno". La soluzione è quindi quella di far autenticare gli utenti squid via POP3 e IMAP. Ecco come ho fatto:

Dopo aver sentito parlare piuttosto bene di questa distribuzione "leggera" mi sono convinto a provarla su una macchina virtuale, provando ad assegnare risorse minime: 2 Gb di disco e 64 Mb di ram.

Beh, sono stato soddisfatto del risultato!